Caterina va in città

Sulla scia del successone (tre commenti, che per il mio blog sono un record!!!) riscosso dal mio post "In the cut" ho deciso di riproporre il filone cinematografico.
Anche se sono convinto che mancando completamente in questo film il lato sessuale, l'exploit non potrà essere ripetuto.
Caterina va in città è il quarto film di Virzì che vedo, ed è, a mio parere, il meno riuscito dei quattro, nonostante sia piacevole da guardare e raramente noioso.
Il problema è che la storia della ragazzina che passa dalla vita di Montalto di Castro a quella della capitale in una calda estate italiana, è un pò troppo stereotipata, e lascia intravedere l'epilogo già dopo dieci minuti, lasciando ai restanti 80-90 tanti episodi nei quali l'approfondimento dei contenuti e la connotazione dei personaggi, elementi tipici e apprezzabilissimi del cinema di Virzì, sono stati un pò messi da parte a favore di una rappresentazione semplicistica della visione politica degli adolescenti.
Viene rappresentata meglio, ...

Leggi tutto l'articolo