Cavallo morto

Cavallo mortoCià ancora er vento drento a la criniera.Sotto a la grosta gialla,la tera è sorda, è nera;e nun s'apre la tera.Tutti cambieno strada: la farfallaco' la vesta a colori de la festa,lo scarabbeo che ruzzica la palla,e l'ape che se scallaar fiato de li fiori.Er silenzio s'allarga, esce dar prato:da le stoppie a la macchiaar mare, empie er creato.Per aria, una cornacchiapassa e ripassa, sempre più vicino;e pare che ammatassaer cottone turchino.Mario Dell'ArcoDa: Strenna dei Romanisti, 1947, pag.
58

Leggi tutto l'articolo