Cavendish fa 21: Sagan prende la verde

Il campione del mondo vince la seconda tappa del Tour de France, da Visé a Tournai, 207.5 i km complessivi.
Cavendish, alla 21ma vittoria sulle strade del Tour, precede Greipel e Goss, Veelers è quarto, Petacchi - primo italiano - è quinto.
Cancellara resta in maglia gialla, Sagan si prende la verde Poche storie, in volata Mark Cavendish detta legge: anche quando la sua squadra, la corazzata-Sky, non controlla la corsa tutto il giorno.
Con Wiggins che vuole arrivare in maglia gialla a Parigi d'altronde, l'aiuto che i compagni possono fornire a Cannonball quest'anno è relativo, ma il campione del mondo è fuoriclasse mica per caso: sente le volate come pochi nella storia del ciclismo.
E vince spesso, molto spesso, lasciando i suoi avversari combattere solo per il secondo posto che, dietro di lui, somiglia tanto a una vittoria.
FUGA A TRE: ANCORA MORKOV - Nasce dopo 28 km dal via la fuga di giornata.
Ad animarla Kern, francese dell'Europcar a lungo maglia gialla virtuale della corsa, Roux, altro francese della Fdj che solo ieri era rimasto coinvolto in una caduta, e Morkov, all'attacco anche nella prima tappa in linea del Tour e leader della classifica degli scalatori.
La fuga dei tre, che tocca un vantaggio massimo di otto minuti, diventa azione solitaria a 29km dal traguardo quando Roux prosegue da solo mentre Morkov e Kern vengono riassorbiti dal gruppo maglia gialla.
Il francese della Fdj, che tiene una decina di km spingendo un rapporto lunghissimo, viene definitivamente ripreso a 15km dalla conclusione, quando cioè le squadre dei velocisti decidono che è il momento di preparare la volata.
CAVENDISH FA 21: CANCELLARA IN GIALLO - Grande traffico nelle prime posizioni del gruppo fino ai meno 3 all'arrivo, poi anche i big della corsa si spostano e lasciano che siano le squadre dei velocisti a dettare il ritmo.
Lotto-Belisol, Argos-Shimano, Rabobank, Greenedge e Lampre si alternano al comando, poi - quando alla linea del traguardo mancano 250 metri - a lanciare la volata è André Greipel.
Lo spunto del velocista tedesco è devastante, ma la potenza di Cavendish - che gli aveva preso la ruota - non ha eguali: il campione del mondo rimonta lentamente, ma inesorabilmente.
Fino alla linea del traguardo, dove ha la meglio per mezza ruota.
Terzo è Goss, quarto Veelers (che fa la volata al posto di Kittel, che invece si stacca per via di problemi allo stomaco).
Quinto chiude un positivo Alessandro Petacchi, mentre sesto è Peter Sagan, che conquista punti importanti in chiave maglia verde, da oggi ufficialmente sulle sue [...]

Leggi tutto l'articolo