Cecchino spara sui passanti: due morti

  L'uomo, asserragliato in casa, ha aperto il fuoco in un villaggio nel nord della Francia.
Poi la resa.
Ferita anche una terza persona   Le forze speciali pronte a intervenire (Reuters)         LILLE - Resta ancora inspiegabile il colpo di follia di un uomo che, nel nord della Francia, ha fatto fuoco con il suo fucile, uccidendo due persone in strada, un uomo e una donna di una ventina d'anni, e ferendo una terza, prima di trincerarsi in casa.
L'uomo, un pensionato di 60-65 anni, è uscito dalla sua casa circa due ore e mezza dopo, con le braccia alzate, e si è fatto arrestare dalle teste di cuoio del Gipn, il Gruppo speciale della polizia nazionale, che erano pronte a intervenire.
Secondo testimoni, ripresi da media francesi, l'uomo era conosciuto dai servizi di polizia per liti di vicinato.
LA RESA - L'uomo, secondo informazioni giornalistiche, avrebbe telefonato poco prima alla polizia annunciando la sua volontà di arrendersi.
Ma per circa due ore, i corpi delle due persone - in un primo momento si era parlato di tre - alle quali l'uomo aveva sparato, sono rimasti a terra, senza che i pompieri potessero intervenire nel timore di nuovi colpi di fucile da parte del pensionato.
Il dramma è avvenuto nel nord della Francia, a Douchy-les-Mines, una paese di circa 10.000 abitanti, vicino a Valenciennes.
La zona era stata tutta transennata, ed era stata interrotta la circolazione sulla strada statale 30, che collega Valenciennes a Cambrai, e che attraversa il Paese.
Un testimone aveva detto ai giornalisti di aver sentito «quattro, cinque spari».

Leggi tutto l'articolo