Che bel porco che sei!-37

Flavia Marchetti
Quella bollente estate del 1978
Che bel porco che sei!-37
Chiuso con le reminiscenze, Claire, con improvviso slancio si sdraiò, pari pari su Tlìc e cominciò a strusciare ventre e dintorni sulla durezza che lei sentiva ben calda fra di loro. Un’agitazione che andava in crescendo e che la vedeva sventolare le poppe sul naso di lui.
Non ci si poteva certo limitare solo a quel sensuale sfregamento epidermico.
C’era un’affinità che si poteva riscontrare sia in Claire che in Tlìc: la sinteticità e la schiettezza:
«Visto che te l’ho raccontato. Mi piacerebbe farlo come lo feci con Bernard... in sponda... tu in piedi e io con le caviglie attorno al tuo collo. Ti va?»
Lei si posizionò per...
Ma Tlìc non poté non gettar l’occhio sul villoso contorno a quella che in altre situazioni, lui, avrebbe chiamato semplicemente la gnocca.
Comunque gnocca o patonza che fosse mostrò in tutta la sua bellezza il fulvo vello che si fondeva cromaticamente con le tenui tinte delle labbra ...

Leggi tutto l'articolo