Checco Zalone: "Nel nuovo film racconto l'odissea di un impiegato in mobilità"

Manca ancora il titolo, ma la trama del nuovo film di Checco Zalone - prodotto da Pietro Valsecchi e con la regia di Gennaro Nunziante - sarà incentrata sul Welfare e racconterà l'odissea di un impiegato pubblico in mobilità.
L'attore pugliese, campione di incassi al botteghino, sta per cominciare le riprese e a "La Repubblica" anticipa il tema della quarta pellicola in cui non mancheranno ironia e risate.
Si gira tra Puglia, Norvegia e Sardegna.
"Racconto la storia dell'ultimo fortunato, che sono io, che ha il posto pubblico fisso, inamovibile, finché arriva la riforma e viene messo in mobilità - spiega Zalone - E' l'odissea di quest'uomo che pur di non lasciare il suo posto fisso è disposto ad andare sino in Norvegia.
Da un ufficio a tre metri da casa affronta un cambio radicale di vita che lo porterà in una cultura totalmente diversa da quella italiana, fatta di gente virtuosa, civile, efficiente, dove il welfare è molto forte.
Però sono tutti depressi.
E si uccidono.
Perché? Lo scoprirete vedendo il film...".
Il protagonista impara quindi il norvegese, fa "la coda tanto per allenarmi a fare la coda", si innamora di una ricercatrice italiana: "Per la prima volta giriamo all'estero.
Si parte dalla Puglia, poi la mobilità mi porterà a Lampedusa, fra i profughi ...
Continua>>>

Leggi tutto l'articolo