Chelsea Clinton diventa mamma, l'annuncio su Twitter: è nata Charlotte

Raramente, quando nasce un bambino, i media parlano più dei suoi nonni che non dei suoi genitori.
Ma la nascita della piccola Charlotte, alle tre e mezzo del mattino di New York, è stata salutata dovunque come la nascita della “nipotina di Bill e Hillary Clinton”.Piuttosto che leggere che Chelsea e Mark erano diventati genitori, abbiamo letto che Bill e Hillary sono diventati nonni.
E questo sarà probabilmente il destino della piccola, tant’è che anche papà e mamma si sono rassegnati e l’hanno battezzata Charlotte Clinton Mezvinsky.  Chelsea aveva lasciato il suo impiego al canale tv Nbc lo scorso 29 agosto, spiegando che voleva trascorrere le ultime settimane della gravidanza con il marito per meglio “prepararsi a dare il benvenuto al figlio”.
Nè Chelsea nè Mark avevano voluto sapere in anticipo il sesso del nascituro.  Ma tutti si erano convinti che stessero per avere un maschietto, perché il nonno Bill in un’intervista qualche giorno fa aveva detto che una delle esperienze che più desiderava era di “dare il benvenuto a mio nipote”.
Aveva proprio detto “grandson”, invece che “grandchild”: il primo significa nipote maschio, il secondo termine - usato quando non si conosce il sesso del nascituro - è generico e può significare sia maschio che femmina.  Ora tutti pensano che quel furbacchione di Bill lo abbia fatto apposta.
Più si parla di loro, soprattutto per temi familiari e emotivi come la nascita di un bambino, più Hillary avrebbe buone possibilità di diventare presidente.
Per l’appunto settembre è un mese in cui il nome Clinton compare spesso sulle prime pagine: contemporaneamente all’inaugurazione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si tiene infatti a New York anche la riunione annuale della Clinton Foundation.  L’ex presidente la creò nel 2001 e scelse proprio questa data per essere sicuro di avere a portata di mano presidenti, primi ministri e importanti leader mondiali.
La fondazione è universalmente indicata come una delle grandi vittorie della coppia, ed è stata efficace nel mondo nelle sue battaglie contro la discriminazione, in difesa del clima e delle minoranze.  L’ultima comparsa in pubblico di Chelsea, prima del parto, è stata proprio alla Fondazione, di cui è vicepresidente.
Fra le altre cose, Chelsea aveva annunciato l’impegno della Clinton Foundation per portare energia solare nei villaggi rurali del Messico.  A parte le tanto chiacchierate ambizioni presidenziali di Hillary, che è stata segretario di Stato durante il primo mandato [...]

Leggi tutto l'articolo