Chi è Leonardo Tano, figlio di Rocco Siffredi che fa il modello

Ai set a luci rosse preferisce quelli fotografici: Leonardo Tano, figlio di Rocco Siffredi, ha debuttato infatti come modello.
Di intimo, ovviamente.
Leonardo è stato scelto come testimonial per la nuova campagna di Msgm, un brand che ha da poco lanciato la sua linea di biancheria intima da uomo.
Negli scatti il ragazzo mette in mostra non solo un fisico invidiabile, ma anche una buona dosa di autoironia.
Non è la prima volta che Leonardo Tano finisce sotto i riflettori, e con un cognome pesante come quello di suo padre, non c’è da stupirsi.
Nato nel 1999, Leonardo è già una vera e propria star sui social, e non risparmia ai suoi follower scatti simpatici e, in alcuni casi, un po’ piccanti.
Si divide tra studio e famiglia, e la sua passione più grande è l‘atletica, disciplina che gli ha regalato grandi soddisfazioni.
Adora anche le moto e l’alta velocità, e non disdegna serate mondane e red carpet, anche in compagnia dei genitori.
Nel presentarlo al grande pubblico, suo padre Rocco Siffredi aveva detto di lui: « Leonardo sarà una grande pornostar, ha delle ‘doti’ molto più sviluppate delle mie».
Dichiarazioni confermate poi anche in un’intervista a Selvaggia Lucarelli: «Il secondo dei mie figli ha ereditato molto da me.
Direi tutto e anche di più.
Lui vorrebbe fare il gigolò, ma io gli ho consigliato di fare l’attore porno.
Almeno nell’hard ti sc** solo delle belle ragazze.
Se ti prostituisci sei costretto a farti dei cessi da paura».
E in effetti, qualche volta Leonardo ha seguito il papà sul set, ma solo per mettersi dietro la macchina da presa.
All’orizzonte, quindi, non c’è nessuna carriera nel mondo del porno.
Potrebbero invece spalancarsi a Leonardo quelle della moda, avendo da poco firmato per un’importante agenzia.
Gli scatti per la campagna di Msgm realizzati da Kito Munoz sembrano promettere bene, e hanno già fatto registrare il pieno di like.
Merito in parte della celebre famiglia da cui proviene il 19enne, oltre che della naturalità davanti all’obiettivo fotografico.
In ogni caso, qualora non dovesse sfondare come modello, siamo certi che Leonardo abbia già un piano B, e potrebbe seguire i consigli del suo celebre papà.

Leggi tutto l'articolo