Chi picchia Picchio ?

ovvero la doppia vita di Tony   Gentile Signorina Fabiola, In qualità di presidente dell’onorato “F.C.
Pelagalli” mi sono sino ad oggi astenuto, da commenti di qualunque genere, sulla condotta morale dei nostri soci.
  Tale gravoso compito è bensì demandato alle competenze del nostro esimio supervisore.
  Debbo altresì precisare, che quando nonostante i numerosi richiami, il comportamento di un nostro affiliato trascende le più comuni norme della civile convivenza, mi è fatto obbligo di intervenire affinchè  a tali deprecabili atteggiamenti, venga posto un freno.
  Noi tutti al club, avevamo ormai accettato con cristiana rassegnazione, le sempre più incolori prove agonistiche del suo Picchio.
Egli aveva già più volte palesato, una scarsa propensione al sacrificio fisico, segno evidente, di quanto il vostro rapporto incidesse sulle sue già scarse possibilità di recupero.
  Purtroppo però, oggi si è valicato il confine della normale decenza.
  Il suo Picchio è stato accompagnato al club, dalla signorina su fotografata, con la quale si è intrattenuto per quasi un quarto d’ora negli spogliatoi.
Ciò oltre a causare un ischemia al socio anziano “Franco er morto”, rimasto accidentalmente bloccato nella propria stanza,  ha definitivamente prosciugato ogni energia del nostro eroe.
  Capisco il suo rammarico e comprendo il suo stupore, soprattutto in considerazione che un intero quarto d’ora d’amore è un limite temporale, che lei giustamente, riteneva fuori della portata di Picchio.
Oggi però, il suo eroe, ebbro di gloria del nuovo record ottenuto, scendeva in campo completamente abulico e dopo qualche scaramuccia iniziale, alzava (l’unica cosa che ancora si alzava) bandiera bianca.
  La sconfortante espressione dello sguardo, mentre camminando braccia penzoloni, guardava il proprio avversario Clemente, involarsi a cento all’ora nella nostra metà campo, era lo specchio evidente del proprio dramma interiore.
  La esorto pertanto, ad esercitare tutta la sua influenza, affinchè venga posto termine a questo deprecabile stato di cose.
  Mi auguro di non averla eccessivamente turbata e confidando vivamente nella sua fattiva e preziosa collaborazione, la saluto distintamente.
                                                                    Il Presidente         Un grande Clemente ha strappato oggi una vittoria forse decisiva per gli esiti finali del campionato.
Alla testa di una compagine che comprendeva Ciccio, ma [...]

Leggi tutto l'articolo