Chi pilota l'Isis ha il terrore che smettiamo di avere paura

«Non c'è un solo governo, al mondo, che non sia controllato da quei poteri»: per Fausto Carotenuto, già analista strategico-militare dei servizi segreti, è deprimente assistere alla farsa dei media mainstream, che si affannano a presentare "la mente", "il basista" e "l'ottavo uomo" della strage di Parigi, come se si trattasse delle indagini per una normale rapina alle Poste.
In compenso, su voci alternative come "Border Nights", può capitare di avere - in appena un paio d'ore, grazie a semplici collegamenti Skype - informazioni e analisi di altissima qualità, capaci di superare centinaia di ore di infotainment e chilometri di carta stampata.
E' accaduto anche martedì 17 novembre, a quattro giorni dalla mattanza: ospiti della trasmissione, oltre a Carotenuto, un indagatore come Paolo Franceschetti (delitti rituali, Rosa Rossa, Mostro di Firenze), il regista Massimo Mazzucco (11 Settembre), Gioele Magaldi ("Massoni, società a responsabilità illimitata") e un secondo massone, Gianfranco Carpeoro, esperto di codici simbolici: «Scordatevi qualsiasi altra pista, quello di Parigi è stato un attentato progettato da menti massoniche o para-massoniche e destinato innanzitutto ad altri massoni, i soli in grado di cogliere immediatamente il significato di quella data, 13 novembre».Non un giorno a caso, ma quello in cui - spiega Carpeoro - nel lontano 1307 un gruppo di Templari riuscì a lasciare Parigi sfuggendo alle persecuzioni ordinate da Filippo il Bello: quei Templari riapararono in Scozia, dove si unirono a logge massoniche, all'epoca ancora "operative", professionali (dedite cioè alla costruzione di cattedrali) per poi dar vita, in seguito, alla massoneria moderna.
Già avvocato, pubblicitario e scrittore, eminente studioso di linguaggio simbolico nonché ex "sovrano gran maestro" della massoneria italiana di rito scozzese, Carpeoro ha aderito al "Movimento Roosevelt" fondato da Magaldi per contribuire al "risveglio" della politica italiana in chiave anti-oligarchica.
Su Parigi la pensa come Carotenuto e lo stesso Magaldi: è semplicemente impossibile, sul piano tecnico, che i commando di jihadisti in azione nella capitale francese abbiano potuto agire da soli, senza la copertura decisiva di settori "infedeli" delle forze di sicurezza.
In più, Carpeoro ravvisa la possibile applicazione del modulo standard concepito dalla Cia per attuare la strategia della tensione, basato su tre direttrici simultanee: due attentati strategici (uno principale, l'altro di riserva) e un terzo obiettivo, tattico-diversivo, per sviare [...]

Leggi tutto l'articolo