Chi sbaglia non paga mai (Terza Parte)

In questi giorni si parla di Lodo Alfano, di riforma della giustizia, della separazione delle carriere ecc ecc ma sui magistrati, sui ridicoli concorsi, sulla loro impunità, non si parla mai.
Per una certa parte di tv e stampa l'importante è che distruggono i loro avversari,non gli interessa se sono bravi, se hanno fatto i furbi per diventare giudici.
Vi anticipo un pezzo di quello che pubblicherò nelle prossime settimane: "La farsa del tirocino,al termine del quale nessuno viene mai bocciato da dieci anni.E quella degli esami per gli avanzamenti di carriera,dove si registra il record mondiale dei promossi:il 99,6%.Ecco perchè,mentre il ministro di turno si voltava dall'altra parte,il 67% delle toghe ha conquistato un ruolo superiore alle funzioni svolte" da MAGISTRATI -L'ULTRACASTA -Stefano Livadiotti (Grandi Passaggi Bompiani) GLI IMPUNITI CHI SBAGLIA NON PAGA MAI "La sezione disciplinare è il binario morto del Csm.Una fabbrica di assoluzioni spesso motivate con sentenze al limite del grottesco.Cosi le toghe hanno 2,1 possibilità su 100 di incappare in una sanzione.Che comunque,anche nei casi piu gravi,è sempre all'acqua di rose.Risultato: in otto anni quelli che hanno perso la poltrona sono stati lo 0,065%".
Nel 2007,ha rivelato Giovanni Bianconi sul "Corriere della Sera" del 22 dicembre del 2008,la corte ha esaminato 1479  pratiche.Solo in 103 casi ha scartato,giudicandole infondate o comunque inaccoglibili,1376 denunce,il 93% del totale.Stessa storia nel 2008,quando su 1475 fascicoli solo 99 sono stati spediti a Palazzo dei Marescialli.Il resto è diventato carta straccia.Di norma,dunque,solo qualcosa come il 6 o il 7% delle lamentele nei confronti dei magistrati arriva al vaglio della sezione disciplinare.Dove la scrematura continua.Eccome.I numeri parlano chiaro.Quelli raccolti da Daniela Cavallini,ricercatrice in ordinamento giudiziario nell'agguerrito team bolognese di Di Federico, si riferiscono al periodo 1999-2006.E parlano di 1004 procedimenti disciplinari.812,pari all'80,9%,sono finiti a tarallucci e vino:con l'assoluzione o il proscoglimento.126 con l'ammonizione,ossia un buffetto sulla guancia del magistrato.38 con la censura,che equivale a una lavata di testa.Solo 22 con la perdita di anzianità (che si traduce in un rallentamento della carriera).Appena 2 con la rimozione e 4 con la destituzione (risultati in linea con quelli di un'altra ricerca della stessa autrice,limitata ai procedimenti per ritardi tra il 1995 e il 2002:251 alla sbarra e 55 ritenuti responsabili,con una sola condanna alle [...]

Leggi tutto l'articolo