Chi spacca il Partito democratico con l'aiuto dei media resuscita Salvini

Il Pd dica sì al governo di scopo senza impelagarsi con il M5s in discussioni programmatiche sterili. Se avvia uno scontro interno sulla strategia da adottare riprodurrà antiche divisioni che questa volta finiranno in scissione, ridando così forza al capo della Lega.
Per rimettere in gioco Matteo Salvini, andato al tappeto in modo indecoroso e vile, servirebbe solo un Pd che si faccia prendere dalla consueta voglia di autodistruzione.
La situazione si è rovesciata nel giro di poche ore. Salvini che tutti ritenevano (tranne chi scrive) il vincitore assoluto è nell’angolo, deriso anche per il modo come cui ha reagito alla sconfitta. Senza dignità. È un poveraccio, un uomo che vale poco, che non ha coraggio, che può per la somma di questi difetti diventare pericoloso per il Paese.
Ci sono quelli che credevano che Salvini avrebbe risollevato la destra, fra questi molti intellettuali che hanno dimenticato i fondamentali della cultura conservatrice
Attorno a lui c’è una pletora di cortigia...

Leggi tutto l'articolo