Chiamparino,Nord si pronunci se no a Tav

(ANSA) – TORINO, 10 GEN – “Il governo non ha più alibi: in dati tecnici ci sono, li completi e decida.
Se dirà no alla Tav, chiederò al Consiglio regionale di indire con apposita legge un referendum consultivo al quale, se lo riterranno, potranno unirsi i colleghi di Veneto, Lombardia, Valle d’Aosta, e Liguria, in modo da avere una grande giornata in cui tutto il Nord Italia si pronunci su un eventuale decisione di bloccare la Tav”.
Così il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, a margine di un appuntamento a Torino.
Sull’ipotesi referendum, questa mattina Matteo Salvini, ministro dell’Interno e leader del Carroccio, ha affermato che “nessuno vorrebbe né potrebbe fermarne una richiesta”.
“Non potrebbero fermarlo di sicuro perché a indirlo sarebbero i Consigli regionali – spiega Chiamparino – Sul fatto che non si dovrebbe, invece, è una questione di valutazione politica, che attiene alle non poche questioni irrisolte – conclude il governatore – oggetto di lite all’interno del governo”.