Chiavari dice no depuratore, Sestri si

(ANSA) - GENOVA, 15 LUG - La Città Metropolitana spinge sull'acceleratore per gli impianti di depurazione di Rapallo e Chiavari ma su quest'ultimo resta il no totale del comune e così Sestri Levante chiede una progettazione parallela di un impianto nel suo territorio per poter dare risposte concrete ai suoi cittadini.
È la sintesi di una mattinata in Città Metropolitata dedicata alla realizzazione degli impianti di depurazione mancanti, e per l'assenza dei quali il Genovesato è ancora in infrazione europea.
Per l'impianto di Rapallo ci sono buone notizie: è stato firmato il contratto col raggruppamento di imprese vincitore dell'appalto per il depuratore cittadino ed entro 90 giorni verrà presentato il progetto definitivo.
Per quello del Tigullio Orientale resta lo scontro tra la Città Metropolitana e il Comune di Chiavari fermo sulla sua posizione negativa.
"Non si può imporre una scelta non voluta a una comunità - ha detto il sindaco Roberto Levaggi che ha aggiunto che il depuratore a Chiavari e per lo più in Colmata non si farà".

Leggi tutto l'articolo