Chiome bionne

Chiome bionne Come 'na barca spersa in arto mare Sola, tra la tempesta, cerca er porto; Cusì 'st'anima mia tra lo sconforto Spasima e cerca que' le labbra care.
Rosa d'Aprile! Vorebbe esse 'n'ucello, avecce l'ale, Pe' venitte a bacià, bocca gentile! Tutta l'anima mia, la Primavera, L'odori de le rose, moribonne, Stanno tramezzo a le tu' chiome bionne Che so' l'incanto raro de' la tera.
Tesoro amato, Co que' le chiome bionne m'hai intessuto 'Na rete d'oro e me ciai carcerato.
'Sto pòro core; E lo fai navigà tramezzo a un mare De spasimi, de pianti e de dolore.
Io t'amo tanto! Nun me fa sperde sti sospiri ar vento, Nun me fa vive solo che de pianto! Bocca de fata! Possi arivà a baciamme in fin de vita Tu che l'anima mia t'hai già rubata.
Antonio Camilli Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag.
57

Leggi tutto l'articolo