Ci sono nei fossili specie di transizione malformate che testimoniano la teoria dell'evoluzione?

Sto studiando la teoria dell'evoluzione di Darwin da autodidatta,ma ho alcuni dubbi:se c'è stata un evoluzionione per mutazioni casuali avremmo dovuto trovare nei fossili molte specie di transizione malformate inadatte alla vita?Mi spiego meglio:se i pesci sono diventati uccelli avremmo dovuto trovare nei fossili tantissime vie di mezzo(secondo me non adatte alla vita) come ad esempio uccelli senza ali,uccelli con le pinne o pesci con il becco?Insomma(se ho ben capito)ci sono state mutazioni casuali fino a quando una nuova specie ha trovato le condizioni giuste per poter sopravvire...ma se è così avremmi dovuto trovare nei fossili tantissime vie di mezzo malformate....sono state trovate nei fossili i resti di queste ve di mezzo?
"E come si fa ad immaginare "una via di mezzo" per un occhio o per un'ala? Gli individui con un occhio o un'ala incompleti sarebbero svantaggiati e la selezione naturale li avrebbe messi ko nel giro di poche generazioni.
In più un'organismo anche "elementare" avrebbe dovuto venire in vita "casualmente" già con la capacità di riprodursi in qualche modo.
E la generazione per caso della vita non è l'unico fatto che si sarebbe verificato contro ogni previsione.
Alcuni scienziati hanno ipotizzato che c'era una sola possibilità contro un trilione che si verificassero tutte le condizioni perché ci fosse stata la vita sulla Terra (o altrove).
E' per questa ragione che è stata ipotizzata la teoria di un "Multiverso".
Con un Multiverso quello che era praticamente impossibile su un singolo universo, diventava possibilissimo su un gran numero di universi.
Anche tra gli scienziati qualche volta circolano troppe bevande alcooliche."

Leggi tutto l'articolo