Ciao Albertone

Ciao Albè, è un anno che te ne sei annato, ma guarda che qua nessuno se scorda de te! La vita scorre come al solito, ma ‘sta settimana se so fermati tutti, almeno un momentino, a pensà a quanto c’hai fatto e ce fai divertì (certe volte però c’hai strappato pure ‘na lacrima!) quando vedemo un film tuo, quando sentimo una delle tue canzoni, sempre come se fosse la prima volta, anche se le battute e le parole le sapemo a memoria, quanno fai er vigile, er giudice, er dottore, er tassinaro, er maestro, er giornalista, er malato immaginario, er Marchese, er Conte, l’uomo comune e quello altolocato.
Tra l’altro, oggi come oggi, er valore de ‘na risata è aumentato tanto, sa? Er mondo va a rotoli, e se nun se ride un po’ stamo messi proprio male! allora pensa quanto valgono mò i tuoi film! E poi ce l'hai detto te, uno che nun ride mai nun è ‘na persona seria! Tutta l’Italia oggi è ricorda la tua grandezza… ma er core de Roma batte un po’ più forte.
Chissà che stai a combinà adesso… stai a scherzà? Facce Tarzan americà’ ! Grazie Albertone!

Leggi tutto l'articolo