Cinquantamila euro 'spariti' dalla cassaforte: assolti due vigilantes

Cronaca Mercoledì, 07 Ottobre 2015 19:57 Cinquantamila euro 'spariti' dalla cassaforte: assolti due vigilantes L'ammanco nell'istituto di vigilanza fu riscontrato nel maggio 2011.
Per il tribunale di Isernia i due imputati non hanno commesso il fatto ISERNIA.
Si è concluso con l'assoluzione il processo, iniziato nel 2014, che vedeva imputati due ex dipendenti di un istituto di vigilanza e assistenza ai privati, operante in provincia.
I due erano accusati di peculato perché ritenuti responsabili dell'appropriazione di 50mila euro custoditi nella cassaforte della società.
Ammanco che era stato rilevato nel 2011, dopo che i vigilantes avevano svolto il turno di notte nella sede di zona, dove era custodita la cassaforte.
La vicenda si è dunque chiusa quest'oggi, quando è arrivata la pronuncia del tribunale di Isernia: assoluzione con formula piena per non aver commesso il fatto, emessa dal collegio giudicante presieduto dal giudice Elena Quaranta.
A commentare per primi la sentenza sono stati gli avvocati Raimondo Fabrizio e Stefano Cappellu, difensori di uno dei due imputati.
Secondo i legali il processo non avrebbe dovuto celebrarsi in virtù dei pochi e deboli elementi accusatori emersi nella fase istruttoria.
"Alla fine – ha dichiarato Fabrizio - è stata fatta giustizia, fin dall'inizio avevamo rimarcato come il nostro assistito fosse estraneo a tale vicenda.
Avevamo precisato come, a nostro avviso, si trattasse di un processo che non sarebbe dovuto iniziare".
Infatti, tra le prove raccolte dagli inquirenti mancavano le immagini del circuito interno di sorveglianza, che non era puntato sul caveau, circostanza che ha avuto un peso non indifferente nella decisione finale presa dai giudici, concorrendo a dimostrare come alla cassaforte potessero accedere diverse persone e non soltanto gli accusati.
Fc http://www.isernianews.it/cronaca/39185-cinquantamila-euro-spariti-dalla-cassaforte-assolti-due-vigilantes.html?tmpl=component&print=1

Leggi tutto l'articolo