Clandestinità, dietrofront del governo Decreto congelato, resta il reato

Marcia indietro del governo sulla depenalizzazione del reato di clandestinità.
Il decreto, già pronto, è stato infatti congelato fino a data da destinarsi.
"Sulla sicurezza il fattore psicologico è importante", avrebbe spiegato il premier, Matteo Renzi, dopo le polemiche e alla luce di quanto accaduto a Colonia.
Soddisfatto Angelino Alfano, contrario al provvedimento: "Rappresenterebbe un messaggio negativo in un momento delicato".
Il decreto legislativo, fortemente voluto dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando, sarebbe andato a cancellare l'articolo 10 bis, introdotto con emendamento dal governo Berlusconi nel 2009, del testo unico sull'immigrazione.
Il testo, ancora in vigore, parla di reato penale con ammenda da 5mila a 10mila euro.
La proposta di modifica - Con il decreto il governo avrebbe trasformato il reato in illecito amministrativo, con conseguente eliminazione dell'ammenda.
Sarebbe invece rimasta l'espulsione dal Paese.

Leggi tutto l'articolo