Claudia Gerini a Domenica In: «Verdone era il mio idolo, la cintura nera mi ha dato sicurezza»

l’ha portata ad ottenere la cintura nera di Taekwondo: “Colgo le sfide e mi piace essere dinamica, qui ci sono calci spettacolari, dati nel punto giusto. Io venivo dalla danza e sono elastica quindi riuscita subito bene. Questo sport mi dà equilibrio e comunque quando arriva un presunto aggressore il tuo approccio è diverso, perché tu potenzialmente ti puoi difendere. Ho fatto l’esame per la cintura in federazione, erano tutte ragazzine e io avevo circa quarant’anni”.

La sua carriera è iniziata a “Non è la Rai”: “Un periodo bellissimo, ci divertivamo era una specie di accademia. Ho alcune amiche che vengono da quel periodo e ancora ci vediamo”. Proprio con la Venier ha girato uno dei suoi primi film, “Night Club” di Bruno Corbucci, poi è arrivata la consacrazione da attrice con Carlo Verdone: “Mi era venuto a vedere in un piccolo teatro. Avevo fatti il provino per “Perdiamoci di vista”, lui era il mio idolo e all’università parlavamo con le battute dei suoi film. Abbiamo girato “Via...

Leggi tutto l'articolo