Coletti ancora in prima fila nella vita politica del territorio provinciale

Riceviamo e pubblichiamo «Continuerò la mia attività politica con lo stesso entusiasmo e la stessa dedizione nell’ascolto dei problemi della mia gente».
Sono queste le parole di Tommaso Coletti ex Presidente della Provincia di Chieti all’indomani della tornata elettorale che ha visto avere la meglio alla coalizione di centrodestra.....
 «Nella mia ormai lunga vita politica –dichiara ancora il senatore- ho imparato ad accettare con lo stesso spirito di servizio le vittorie e le sconfitte, a stare in maggioranza così some in minoranza nelle diverse istituzioni nelle quali di volta in volta sono stato chiamato a dare il mio contributo.
In questo particolare momento per la vita politica del Paese mi dedicherò innanzitutto a svolgere un ruolo propositivo innanzitutto nell’ambito del consiglio provinciale dove mi impegnerò per essere di stimolo alla nuova amministrazione guidata da Enrico Di Giuseppantonio per il conseguimento di risultati positivi a favore della comunità locale.
La mia –sottolinea Coletti- sarà una opposizione costruttiva e propositiva svolta nell’interesse della mia gente.
Tra le priorità, in continuità con la mia attività amministrativa, sicuramente la concretizzazione delle due opere strategiche che permetteranno al nostro territorio di fare quel passo avanti di cui necessita: il campus tecnologico e la costa teatina».
Sarà poi anche la vita del suo partito di provenienza che attraversa momenti critici a vedere ancora con un ruolo di protagonista l’ex Presidente della Provincia.
Alle porte, infatti, i prossimi congressi autunnali, in vista dei quali Coletti ha già ripreso con la intensità e la costanza che lo contraddistinguono il ruolo di guida in un’azione di riorganizzazione del PD sul territorio che permetta di consegnare alle risorse maggiormente e realmente innovative del partito una realtà che possa essere davvero competitiva nel panorama politico.
In questo quadro l’intenzione è poi anche quella di far pesare, in maniera congruente anche con le scelte degli elettori –che nell’ultima votazione hanno, attraverso il voto, composto un gruppo provinciale costituito da uomini esclusivamente provenienti dall’ala moderata-, il ruolo dei cattolici democratici all’interno di un PD realmente capace di futuro.
Ancora, la volontà e l’obiettivo di radicare il partito su tutto il territorio per permettere una partecipazione sempre più ampia utile anche per creare una classe dirigente rinnovata, preparata e in grado di guidare il partito e le istituzioni con la [...]

Leggi tutto l'articolo