Colpo da 250mila euro alla banca Cariparma-Credit Agricole

Edizione CIRC_SU1 19/04/2008 Colpo da 250mila euro alla banca Cariparma-Credit Agricole Torre del Greco.
Colpo da 250mila euro alla banca Cariparma-Credit Agricole di via Nazionale.
Dinamica identica rispetto alla rapina da 160mila euro che fu messa a segno lo scorso 25 marzo alla banca di Roma di corso Vittorio Emanuele.
Intorno alle 16, orario di chiusura al pubblico dell'istituto di credito, un commando formato da tre persone è entrato dentro alla banca, aggirando il metal-detector posto all'entrata.
I quattro clienti sono stati subito minacciati: «State fermi e zitti e non vi succederà nulla».
Un «invito» a cui i presenti hanno ottemperato senza fiatare.
Uno dei tre rapinatori, quindi, ha minacciato la GUARDIA GIURATA disarmandola e facendosi accompagnare dal direttore della filiale, il secondo si è occupato di tenere a bada i clienti e i dipendenti che sono stati chiusi all'interno di una stanza, ed il terzo ha atteso che il direttore attivasse le procedure temporizzate per accedere al caveau e al bancomat.
Bottino consistente quello racimolato dalla banda.
Ben 250mila euro.
L'operazione è durata più di mezz'ora, il tempo necessario affinchè le porte del caveau e quelle del bancomat si aprissero.
I tre, coperti da un altro complice all'esterno, hanno agito con i volti occultati da parrucche e berretti per evitare di essere riconosciuti.
Durante la lunga attesa, la banda ha cercato di tranquillizzare i clienti, gli impiegati, la GUARDIA GIURATA ed il direttore.
Quando si sono aperte le porte, il commando ha preso tutta la somma ed è uscito fuori, scappando via, secondo alcuni testimoni, a bordo di due motociclette.
Sul posto sono subito intervenuti gli agenti del commissariato di polizia torrese che hanno avviato un'indagine.
La dinamica del colpo di ieri sembra molto simile a quella della rapina messa a segno lo scorso mese alla banca di Roma.
Anche in quel caso i presenti furono sequestrati mentre la banda metteva a segno il colpo.
fa.
ds.

Leggi tutto l'articolo