Come è caduta in basso la politica! la quale, invece di proporre alla società un'idea, convincerla ed educarla, insegue l'elettore facendo leva sui suoi istinti all'unico scopo di arraffare i voti necessari per governare.

La società comanda sulla politica, altro che antipolitica.La cosa più affascinante di questi ultimi anni della politica italiana è che può succedere di tutto e tutto in fretta. E non c’è bisogno di dire che anche la politica è diventata liquida; che i social media, con vampate successive, creano e distruggono miti, finti o veri che siano; che si vota con l’emozione più che con la ragione. Sono affermazioni che meriterebbero un approfondimento, ma non qui.
Pensano ancora che gli elettori si spostino secondo il volere dell’offerta, mentre non capiscono che la novità è proprio questa: è la domanda che decide la direzione della politica, non l’offerta. Vediamo meglio.
Nel vero passato (che non è tornato, anche se il sistema è diventato prevalentemente proporzionale) gli elettori erano la proiezione delle ideologie (quella comunista, liberale, eccetera) o meglio c’era una corrispondenza biunivoca tra domanda e offerta politica guidata, appunto dall’appartenenza ideologica.
Oggi il risultat...

Leggi tutto l'articolo