Come diventare professionista del poker?

Come è mia abitudine, prima di addentrarmi nel post, vi voglio segnalare la mia poker room preferita PokerCLUB di Lottomatica, ottima per i neofiti e i più esperti,  con iscrizione gratuita e  tornei di allenamento e  freeroll gratuiti che consentono di  vincere soldi veri.
// //-->   Molte persone si sono talmente innamorate del poker che spesso mi chiedono: “voglio giocare a poker da professionista, cosa mi consigli?” E non vi nascondo che appena sento questa domanda la mia impressione è che la decisione sia già stata presa.
Giocare a poker on-line è sicuramente molto divertente per passare un po’ di tempo libero ma pensare di dedicarcisi completamente lasciando il proprio lavoro non è esattamente una scelta facile.
Tornando alla voglia di diventare professionisti, certo, ci sono degli indubbi benefici nel giocare a poker da professionisti: - potete lavorare le ore che volete - il “capo” siete voi - potete prendervi quanti giorni di vacanza volete - potete lavorare da qualsiasi parte del mondo - potete lavorare anche in mutande e, per quanto mi riguarda, ho lasciato un ottimo posto una grossa compagnia farmaceutica in Roma per avvantaggiarmi di questi aspetti.
Sono, infatti, andata in Irlanda per un paio d’anni.
La cosa più bella del giocare a poker on-line è che non ho bisogno di organizzare la mia vita sociale intorno al lavoro, ma esattamente il contrario.
Tenete ben presente però che, come in ogni altro lavoro, anche nel poker ci sono gioie e dolori.
Giocare dieci ore la settimana può essere davvero stimolante fin quando si tratta di un hobby ma stare appiccicato ad un monitor per 40 ore la settimana è tutta un’altra cosa.
Nonostante io ami immensamente questo gioco e mi diverto ancora molto quando mi siedo ad un tavolo, non credo che lo farò ancora a lungo, per lo meno non come adesso.
Fortunatamente, la possibilità di occuparmi di questo settore attraverso il mio sito web, e le altre mie passioni (vedi il post Chi Sono) lasciano al gioco poco tempo e quindi non ho bisogno di passare 40 ore seduta ad un tavolo per pagare le bollette.
Prima di passare al poker full-time, quindi, valutate attentamente se è questo che desiderate veramente.
L’amore per questo gioco potrebbe trasformarsi in odio profondo.
Vediamo, comunque, più da vicino alcuni aspetti della vita da giocatore professionista: 1.
Anche se potete avere tutti i giorni di ferie che volete, ricordate che nessuno ve li paga.
Nel mio precedente lavoro avevo 4 settimane di riposo retribuite.
Se decidete, quindi, di [...]

Leggi tutto l'articolo