Come l'apparenza inganna !

    Nel suo quartiere a Detroit lo pensavano solo un vecchio eccentrico homeless .
Capelli lunghi , occhiali scuri e completo nero qualcuno lo vedeva spostare ferri arrugginiti trasportare mobili , tornare a casa sporco di calce .
Certo , qualcuno se lo ricordava da giovane quando Sixto Rodriguez interpretava le sue canzoni nelle bettole della zona avvolto nella nebbia della citta' dalle automobili .
Ma quelli erano tempi andati , che forse neppure lui ricordava .
A migliaia di di chilometri di distanza e in un altro continente però il cantautore era un icona del pop al pari di Elvis Presley e dei Beatles .
In Sudafrica negli anni Settanta le sue canzoni di protesta erano divenute colonna sono-Sudafrica , negli anni Settanta le sue canzoni di proteta erano divenute colonna sonora del movimento anti-apartheid .
Tutti pero' lo crevevamo morto e le leggende metropolitane su come si fosse tolto la vita erano molte la piu' accreditata lo voleva essersi dato fuoco sul palco .
Scoperto dal leggendario produttore discografico Dennis Coffey nei tardi anni Sessanta , Rodriguez incise un paio di dischi .
Ebbero ottime recensioni ma sotto il profilo delle vendite furono un vero flop negli Stati Uniti .
In Sud Africa invce portato pare da una coppia di sposi che erano stati in viaggio di nozze in America il disco divenne famosissimo .
Vendette ben mezzo milione di copie delle quali Rodriguez non vide una lira di diritti .
Per decenni non ebbe notizia del suo successo in Africa .
Poi una sera del 1988 Rodriguez ricevette una telefonata da Steve Segerman proprietario del negozio di dischi " Mabu Vinly " di Cape Town .
All'inizio Rodriguez pensava si trattasse di uno scherzo .
Segerman gli aveva dato la caccia per 25 anni e finalmente lo aveva scovato grazie ad un frammento di una sua canzone in cui parlava di una ragazza di Dearbon un quartiere di Detroit .
Pochi mesi dopo quellla conversazione telefonica , quel poeta urbano già avanti con gli anni era in Sudafrica , invitato a esibirsi in concerto Rodriguez attendeva su per giu' una ventina di persone .
Invece quando sali' sul palco si trovo' di fronte a cinquemila fan in estasi .
Prima di poter intonare la prima canzone " I Wonder - dovette ascoltare pazientemente un lungo applauso lungo dieci minuti Per la folla era come se Elvis Presley fosse ritornato in vita e si fosse ripreso il microfono .
Finito il concerto Rodriguez tornò a Detroit riprendendo la sua vita parallela esattamente dove l'aveva lasciata .
Prosueguì a lovarare a cottimo e la gente della zona in cui abita [...]

Leggi tutto l'articolo