Come utilizzare il Traduttore di Google senza connessione a Internet

Quando si viaggia all'estero, la versione mobile del traduttore Google Translate può diventare uno dei nostri maggiori alleati, soprattutto se non si parla la lingua locale, ma bisogna fare attenzione al temuto roaming, ovvero al costo della connessione a internet del telefono quando il traffico dati viene utilizzato all'estero.
Per essere in grado di utilizzare tutti i servizi di traduzione di Google Translate offline, che è una delle applicazioni per smartphone più complete in quanto dispone di tante funzionalità come l'ultima aggiunta, quella della possibilità di tradurre anche le immagini, è bene attivare l'utilizzo senza connessione ad internet prima di partire per un viaggio all'estero.
Quindi prima di lasciare l'Italia si può pre-configurare una specifica lingua, scaricandola tramite connessione Wi-Fi, in modo che poi sarà possibile utilizzarla offline quando ci si trova all'estero e quindi avere sempre il traduttore di Google a portata di mano.
I passaggi per configurare Google Translate senza connessione a internet sono molto semplici da mettere in pratica, ma funzionano solo su dispositivi Android (su iOS la funzionalità non è disponibile).
Praticamente basta scaricare la lingua (o le lingue) parlata del paese in cui si viaggia: - Accedere all'applicazione Google Translate sul cellulare Android.
- Accedere alle "Impostazioni" del traduttore toccando i tre punti in alto a destra.
- Dalle impostazioni selezionare "Gestione lingue offline" e toccando il nome di lingua per scaricarne una e poter utilizzarla offline.
- Quando il download è completato, l'icona accanto alla lingua verrà mostrata in un cerchio grigio scuro, Tutto qua, ma bisogna tenete a mente che i file delle lingue offline sono molto grandi, quindi è preferibile effettuare i download delle lingue utilizzando la connessione wifi per evitare il copnsumo del traffico dati del telefono, sopratutto se già ci si trova all'estero.

Leggi tutto l'articolo