Comunicazioni via Internet, scontro tra Vodafone e Skype sui nuovi contratti

L'operatore telefonico ha vincolato l'uso di alcune applicazioni a particolari piani tariffari.
Clienti in rivolta MILANO - Continuano le scaramucce tra operatori di telefonia mobile e aziende che offrono l'opportunità di telefonare via Internet tramite cellulare.
Dalle due parti della barricata questa volta ci sono Skype e Vodafone, che ha vincolato l'utilizzo di applicazioni molto popolari come Tango , Viber - e Skype, appunto - alla sottoscrizione di un piano tariffario del costo di 8 euro settimanali, contro i 10 euro mensili con cui fino a qualche giorno fa alcuni utenti riuscivano a garantirsi connettività web e l'uso del Voip.
Vodafone, però, ha deciso di mettere un freno a questa pratica, suscitando le ire dei clienti che da un giorno all'altro si sono visti impossibilitati usare il web per telefonare, pur avendo sottoscritto un'offerta Internet, e hanno inondato il forum online dell'azienda telefonica con messaggi di protesta.
«PRATICHE ODIOSE» - «Posso arrivare a capire che una compagnia limiti il traffico dati a disposizione del cliente, ma trovo odioso che imponga limiti sull'utilizzo del traffico», scrive uno mentre altri si dicono pronti a rivolgersi alle associazioni in difesa dei consumatori, perché intervengano contro quella che viene definita «una grandissima porcata».
Qualcuno si dice pronto a rescindere dal contratto, nonostante questo comporti una penale, altri temono l'introduzione di limitazioni analoghe anche da parte delle altre società di telecomunicazioni.
Nella serata di lunedì è intervenuta anche Skype con un comunicato al vetriolo, in cui, pur senza mai citare direttamente Vodafone, si sottolinea come le «restrizioni contrattuali, tecniche e finanziarie» messe in atto da alcuni operatori di telefonia mobile costituiscano «una limitazione a quello che gli utenti finali possono fare online».
In sostanza, Skype vede l'introduzione di una tariffa speciale per sbloccare il Voip come un'ingerenza illegittima al libero uso del web, in aperto contrasto con passate dichiarazioni degli stessi operatori telefonici a favore della neutralità della Rete.
LA DIFESA: NESSUN BLOCCO - Negli Stati Uniti lo scorso dicembre l'authority competente ha emanato una serie di regole che impediscono agli operatori il blocco di video e dei servizi Voip.
Ma anche in Europa, e quindi in Italia - ricorda Skype - «in base alla nuova normativa sulle telecomunicazioni, il cui recepimento nelle leggi nazionali è previsto entro maggio 2011, le autorità devono proteggere la libertà di rete, compresa la [...]

Leggi tutto l'articolo