Concita De Gregorio, Provate a immaginare

da L'UNITA' 24 gennaio 2009 concita de gregorio, IL TEMPO DEBOLE ( Il filo rosso di oggi) Provate a immaginare di avere vent'anni, una sera libera per fare l'amore e nessun posto dove andare.
A casa dei genitori no di certo.
In macchina, sì, fuori città, in fondo a quella strada nei campi.
Provate a immaginare di essere lì col ragazzo e di sentire il vetro del finestrino che si spacca, vedere nel buio ombre di uomini incappucciati, sentire le urla e le minacce.
Vi diamo tutto, dice il ragazzo.
Consegnano soldi e cellulari.
I cinque - sono cinque, solo uno a volto scoperto - hanno un altro progetto, però.
Picchiano il ragazzo, lo legano e lo chiudono nel bagagliaio.
Poi prendono la ragazza e la violentano per terra, tutti.
Poi se ne vanno.
Provate a immaginare cosa sarà d'ora in avanti la vita di questi due giovani.
Certo, non morire è una fortuna.
Ci sono ferite però alle quali non si sopravvive.
Avevano accento straniero, dell'Est - ha detto la giovane donna.
Le campagne intorno a Guidonia, lì dove è accaduto, sono popolate da un inframondo che scompare di giorno e compare di notte: centinaia di fantasmi senza identità e senza legge che occupano i casali abbandonati e le vecchie fabbriche, che hanno una loro legge diversa dalla nostra, che si spartiscono il territorio in base a regole a noi ignote.
Non esistono, dunque cos'hanno da temere? Ora: è vero che la violenza contro chi è più debole - i senzatetto bruciati sulle panchine, le donne, i bambini - è un dato costante della barbarie quotidiana.
Che le violenze sulle donne si consumano in otto casi su dieci in famiglia.
Che non sono le bande di stranieri il più grave dei pericoli.
Lo stupratore di Capodanno è italiano, ha confessato ieri.
Non è una questione di etnia, di passaporti.
No, il tema della violenza sulle donne è un segno del tempo debole in cui viviamo.
La sicurezza riguarda uomini e donne.
Per le donne è peggio, ma è solo una questione di livello della sopraffazione e del dolore.
Odioso è chi specula per fini politici sulla carne altrui.
Odiose sono le campagne elettorali che esibiscono le vittime come vessilli e promettono cure in cambio di voti.
Lo abbiamo detto sempre e lo abbiamo detto qui.
Ricordiamo le battute conclusive della campagna elettorale per Roma.
Fa orrore chi usa la paura per alimentare il consenso.
La sicurezza non è un tema di destra: lo abbiamo detto sempre e qui, è un diritto di tutti.
Vogliamo poter tornare a casa con l'autobus e mandare fuori i nostri figli adolescenti.
Non sarà l'esercito a garantire che questo [...]

Leggi tutto l'articolo