Congresso Nazionale SIdEM: Patologie del sistema immunitario, fotoferesi extracorporea

Palermo, 17° Congresso Nazionale SIdEM.
Un incontro tra specialisti e stampa per approfondire i benefici clinici derivanti dalla fotoferesi extracorporea con sistema chiuso nella cura di alcune gravi patologie del sistema immunitario – il linfoma cutaneo a cellule T e la Graft versus Host Disease – che attaccano il sistema immunitario, causando forti debilitazioni fisiche e il rischio di infezioni che minacciano l’autonomia del paziente.
In Italia sono più di 800 le persone che vengono colpite ogni anno da queste patologie.
Da 25 anni la fotoferesi extracorporea con sistema chiuso è una tecnica salvavita, sicura ed efficace, che migliora la qualità della vita dei pazienti affetti da queste patologie.
Palermo, 19 ottobre 2012 – Si è tenuto oggi a Palermo un incontro fra esperti di alto valore scientifico promosso dalla Società Italiana di Emaferesi e Manipolazione Cellulare (SIdEM) dedicato alla fotoferesi extracorporea con sistema chiuso, un percorso terapeutico d’eccellenza per il trattamento di alcune gravi patologie che attaccano il sistema immunitario.
La Graft versus Host Disease (GvHD) è una delle principali complicanze e cause di decesso derivanti dal trapianto di un organo; in seguito all’operazione, le cellule del donatore aggrediscono gli organi e i tessuti del paziente, provocando una reazione infiammatoria a carico della cute, della bocca, dei polmoni e del fegato, con sintomi gravi quali secchezza della pelle, ulcere orali, difficoltà respiratorie, insufficienza epatica e, nei casi più gravi, il decesso.
Secondo alcuni studi recenti, dei 14.000 trapianti allogenici eseguiti in tutto il mondo, circa il 50% dei pazienti sviluppa questa patologia, di cui più di 600 solo in Italia.
Il linfoma cutaneo a cellule T (CTCL) è una forma di cancro a progressione lenta, la cui incidenza è in aumento, con 200 casi registrati ogni anno nel nostro Paese.
Le persone affette da questa patologia possono manifestare sintomi di ispessimento, arrossamento, lesione, desquamazione o forti pruriti alla cute, in aree localizzate o su tutto il corpo.
Inoltre, circa il 10% dei pazienti manifesta l'interessamento del sangue, di un linfonodo o di un organo interno con gravi complicanze.
Gli individui che soffrono di questi disturbi possono subire significative limitazioni alla propria vita lavorativa e sociale, a causa di debilitazioni fisiche che, nelle forme più estreme, compromettono l’autonomia motoria del paziente.
La fotoferesi extracorporea con sistema chiuso è una tecnica salvavita per la cura dei [...]

Leggi tutto l'articolo