Contratti a chiamata

Tante le contraddizioni e altrettanto gli sfruttamenti
 
Nel contratto di lavoro intermittente ( o a chiamata) un lavoratore si pone a disposizione del datore per svolgere prestazioni di carattere discontinuo o intermittente o in determinati periodi nell'arco della settimana, del mese o dell'anno.
Il contrato a chiamata può essere stipulato con qualunque lavoratore per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente (in attesa delle regolamentazioni dei contratti collettivi). Indipendentemente dal tipo di attività, può essere stipulato con lavoratori con meno di 25 o più di 45 anni, anche pensionati, e per il lavoro nel week-end o in periodi predeterminati.
Al lavoratore intermittente deve essere garantito un trattamento economico pari a quello spettante ai lavoratori di pari livello e mansione, seppur riproporzionato in base all'attività svolta. Per i periodi di inattività, nel caso in cui il lavoratore si sia obbligato a rispondere immediatamente alla chiamata,...

Leggi tutto l'articolo