Convegno. Società sportive brianzole si aprono agli atleti Special Olympics: lo sport è integrazione

Lo sport come formula per l’integrazione sociale di chi è diverso? La risposta affermativa a questo quesito è arrivata dal convegno che si è svolto venerdì sera, 14 maggio, presso Sala Maddalena.
A Monza sono intervenuti l’assessore alle Politiche giovanili e pari opportunità della città di Teodolinda, Martina Sassoli, Rodolfo Cattani, segretario generale European Disability Forum, Alessandro Palazzotti, vice presidente nazionale Special Olympics e docente di attività motoria e sportiva adattata presso l’Università di Chieti.
  In occasione dei prossimi XXVI Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia “Monza 2010” (dal 28 giugno al 3 luglio) l’assessorato alle Pari Opportunità del comune di Monza ha promosso l’incontro sulla tematica sport e disabilità.
In sala diversi volti noti del mondo sportivo monzese, ma anche Cesare Boneschi, già assessore all’edilizia privata ma anche responsabile dell’organizzazione dei giochi che tra poco più di 40 giorni coinvolgeranno Monza assieme.
Assieme a lui Lucia Zulberti dell’associazione Silvia Tremolada.
L’aver scelto di portare a Monza i giochi nazionali Special Olympics ha già dato un grande risultato dal punto di vista dell’integrazione degli atleti “speciali” con i cosiddetti normodotati: diverse associazioni hanno deciso di aprire le proprie porte a questi atleti: dalla Forti e Liberi al Tennis Monza, dalla Casati Arcore alla Polisportiva Besanese, fino alla Vis Nova Giussano.
«In questi giorni di preparazione al grande evento di quest’estate l’amministrazione deve fare più informazione possibile – ha spiegato Martina Sassoli – Dobbiamo abbattere il muro della non conoscenza che blocca l’integrazione nella società di chi è diverso».
Fino a poco tempo fa, la pratica sportiva per le persone con disabilità, sul territorio di Monza e Brianza, era legata solamente all’attività della U.S.
Brianza “Silvia Tremolada” che promuove nuoto, equitazione e sci, esclusivamente per persone disabili.

Leggi tutto l'articolo