Corte dei Conti comunista e disfattista......

La Corte dei conti boccia la finanziaria con queste parole: - E' rischioso cercare di colmare il buco nei conti pubblici con "forme di copertura dagli esiti incerti".
Il Governo ora dirà:- " oltre alle toghe rosse c'è anche la Corte dei Conti comunista, disfattista e anti governativa".
In pratica questa finanziaria è tata criticata da tutti.
L'opposizione tutta, la confindustria, i sindacati tutti e ora anche la corte dei conti, massimo organo di controllo dei conti pubblici.
Possibile che siano tutti comunisti, perchè se cosi fosse al governo ci dovrebbe essere la sinistra e così non è.
Io personalmente a sinistra vedo il vuoto e nessuna alternativa valida, tante belle parole ma niente di concreto.
Nei DS, ci si accapiglia fra le varie correnti per le candidature delle prossime lezioni, vedi il fatto Niki Vendola.
Non c'è compattezza ne a sinistra ne a destra, perchè anche in seno alla maggioranza, ci sovo divisioni specialmente per il peso politico che Berlusconi ha attribuito alla Lega, che chiaramente ne approfitta, e questo fatto non piace prorio ai Finiani.
Se non saremo capaci di dare una autentica alternativa, Berlusconi ci andrà in pensione al governo.
Sarà invece che forse si poteva fare meglio.
A sentire il governo questa è la finanziaria migliore di tutti i tempi, la televisione che non si capisce più qual'è pubblica e qual'è privata, quando fa comodo dice che c'è la ripresa, quando non fa comodo dice che siamo sul lastrico.
Va bene che tutti sappiamo che in televisione quasi tutto non è ciò che appare ma tutto e costruito ad arte per indurre lo spettatore a reagire in una certa maniera, a partire dalla pubblicità e a tutto il resto, sicché io credo che ormai nessuno si fa una idea propria da ciò che dice la televisione senza prima aver cercato , (oggi con internet e molto più facile) riscontri sulle notizie divulgate da TG, programmi giornalistici e di approfondimento.
Scintilla

Leggi tutto l'articolo