Così fan tutte

Una donna a quindici anni dee saper ogni gran moda, dove il diavolo ha la coda, cosa è bene, e mal cos'è.
Dee saper le maliziette che innamorano gli amanti, fìnger riso, fìnger pianti, inventare i bei perché.
Dee in un momento dar retta a cento, colle pupille parlar con mille, dar speme a tutti, sien belli e brutti, saper nascondersi senza confondersi, senza arrossire saper mentire, e qual regina dall'alto soglio col «posso e voglio» farsi ubbidir.
..
Questi versi sono di Lorenzo Da Ponte, trevigiano di Vittorio Veneto - quartiere Ceneda (TV), librettista e poeta che ha avuto grande notorietà per aver scritto - per W.A.
Mozart - alcuni libretti celebri come ”Le nozze di Figaro”, “Don Giovanni” e “Così fan tutte”.
Più che gli scritti di Da Ponte, a me piace moltissimo Mozart ma non è questo il punto: dopo aver letto questi bei versi, mi sono proiettato nel tempo in cui creò quella brillante commedia “Così fan tutte” o “La scuola degli amanti” (1790), assaporandone la sottile ironia e poi ho pensato ai nostri giorni, a quello che potrebbe accadere se qualcuno prendesse sul serio quei versi.
Già che di questi tempi  assistiamo ad ogni sorta di atti che definire inconsulti, selvaggi, triviali, animaleschi, indegni per qualsiasi essere umano sarebbe il meno ..
chissà, potrebbe saltar fuori qualcuno che potrebbe vedere in quei versi una certa istigazione degna delle attenzioni del nostro codice penale! Si, perché, pur ironizzando (ma  neanche tanto) oggi c’è un spaccamento di ..
capelli che fa sul serio paura, laddove l’educazione è latente, messaggi di “libertà” lanciati da media etc.
e in genere dall’attuale  società potrebbero attecchire in menti deboli, in gente che non riesce a comprendere usanze, costumi che concedono giusta libertà interpretativa e informata alle leggi vigenti, facendo scadere certi “furboni” dell’ultima ora in ragionamenti e azioni pro domo sua, del tutto fuorvianti.
Mi riferisco, in particolare, a casi di violenza su donne avvenuti in particolar modo in Germania laddove c’è chi (qualche emerito ..
politico di “grido” di quella nazione), con una faccia  che definire da ….
è il meno, paventa "giustificazioni" per chi si comporta in modo inadeguato e viola le altrui libertà che sono in linea con leggi, costumi e  usanze del luogo in cui vive.
Un aneddoto che forse ha poca attinenza ma che per me ci può stare, naturalmente in chiave ironica: le mie (due) sorelle, quando decisero di “sfruculiare” mio fratello dopo la nascita del [...]

Leggi tutto l'articolo