Cosa non ha funzionato nel Milan di Giampaolo?

 
 
Zvonimir Boban non poteva essere più chiaro, l’esonero di Giampaolo è stata una sconfitta per tutti nell’ambiente rossonero, proprietà, dirigenza e ovviamente tifosi, costretti a vedere la propria squadra del cuore stabilmente nella parte destra della classifica.

(Marco Giampaolo tra Paolo Maldini e Zvonimir Boban nel giorno della sua presentazione)
 
Eppure l’avventura dell’allenatore abruzzese a Milanello sembrava essere iniziata nel migliore dei modi, tra proclami entusiastici(l’ormai famigerato motto “testa alta e giocare a calcio”) e feedback positivi dalle prime amichevoli estive che i rossoneri avevano disputato in giro per il mondo, inanellando una serie di ottime prestazioni contro avversarie di livello superiore e con una rosa ancora sperimentale.
Era quindi palpabile la curiosità legata al come l’allenatore nativo di Bellinzona avrebbe attuato la sua personale Fluwelen Revolutie, ( letteralmente rivoluzione di velluto, termine con cui fu definita la rivoluzione s...

Leggi tutto l'articolo