Cristiano del lavoro: dire addio ai giorni in cui avevo vissuto per il denaro (I)

Cristiano del lavoro: dire addio ai giorni in cui avevo vissuto per il denaro (I)

Ammazzarsi di lavoro, vivere la vita di una macchina per far soldi
Crescendo in una famiglia povera, da bambino ho affrontato continui rifiuti e gli sguardi di disprezzo da parte degli altri mi davano un senso di inferiorità ancora maggiore. Gli adulti dicevano spesso: “Il denaro non è tutto, ma senza non si fa nulla” e “Quando hai i soldi, allora hai tutto”. Mi identificai con queste parole e decisi che mi sarei costruito uno spazio per me stesso, che sarei diventato una persona ricca e avrei vissuto una vita che tutti avrebbero ammirato, ottenendo finalmente un’esistenza che avesse davvero valore. Abbandonai la scuola e andai in città a lavorare, per realizzare il mio sogno di fare soldi. Dopo qualche alto e basso, trovai un lavoro come facchino e sgobbavo giorno e notte per guadagnarmi da vivere. Mi alzavo per andare a lavorare prima dell’alba e poi rimanevo al cantiere di notte. Poiché venivo pagato...

Leggi tutto l'articolo