Crostata di pere e mandorle

Ingredienti : 1 disco di pasta frolla fresca 100 gr mandorle spellate 150 ml di latte 160 gr di zucchero 20 gr di farina 50 gr di burro 2 tuorli 1/2 bicchiere di limoncello 4 pere piccole 1 limone 30 gr di burro per la teglia 2 cucchiai di zucchero a velo 1 pizzico di sale fino   Preparazione : Lavate le pere, asciugatele e ricavate la parte larga, scartando il fondo e la parte allungata.
Riducetela a rondelle ( circa 1 dozzina ).
Togliete i semini centrali.
Allargatele sulla placca e spolverizzatele con 50 gr di zucchero.
Lavate il limone e grattugiate la scorza, tenendola da parte.
Spremete il succo dell'agrume e versatelo sulle fettine di pere.
Aggiungete metà liquore e tenete la placca in frigo, fino al momento di farcire la crostata.
Frullate le mandorle nel tritatutto elettrico con 2 cucchiai di zucchero.
Versate i tuorli nella ciotola e unitevi lo zucchero rimasto e il sale.
Montateli con la frusta, fino a ottenere una crema gonfia e chiara.
Incorporate la farina, con la frusta.
Unite metà delle mandorle tritate, la scorza di limone grattugiata e il latte, mescolando con un cucchiaio.
Trasferite il composto nel tegsmino e portatelo sulla fiamma bassa.
Cuocete la crema, senza smettere di mescolare, finchè inizia ad alzarsi il bollore.
Togliete dal fuoco e incorporatevi 40 gr di burro morbido, a pezzetti e il limoncello rimasto, sempre mescolando.
Lasciate raffreddare la crema, mescolandola ogni tanto.Riscaldate il forno a 190°.
Spalmate l'interno della teglia con 30 gr di burro.
Foderatelo con il disco di frolla, lasciando uscire l'eccesso dall'orlo.
Bucherellate il fondo di pasta con una forchetta e cospargetelo con le madorle tritate rimaste.
Versatevi sopra la crema fredda.
Modellate la pasta in eccesso in un cordoncino.
Scolate le fettine di pera.
Sistematele sulla crema, copritele con 20 gr di burro a fiocchi.
Imburrate anche il cordone di pasta.
Infornate e cuocete la crostata 35 minuti.
Sformatela da fredda.
Cospargetela con zucchero a velo.
Servite                                                                                                                 

Leggi tutto l'articolo