Cucinare in casseruola

Cucinare in casseruola: una definizione che fa subito pensare a quegli appetitosi piatti cucinati lentamente in saporiti sughi, a ricette di antica tradizione e molto simili a quelle che preparava la nonna o la mamma ai tempi in cui la maggior parte delle donne non lavorava e poteva passare lunghe ore accanto ai fornelli.
Fa pensare anche all’impiego di tagli di carne poveri (ma non per questo meno buoni) che richiedono per forza una cottura lenta per poter acquistare tenerezza.
Questo tipo di cucina è sostanzialmente basato su ingredienti che vengono cotti piano piano, con pochi liquidi e in recipienti chiusi quasi ermeticamente.
A volte sul fornello, a volte nel forno.
Il recipiente ideale è quello che consente una buona e uniforme diffusione del calore e che soprattutto eviti al cibo di attaccare sul fondo.
A tale scopo, sono adatte tutte le casseruole in smalto, ma anche la terracotta e la porcellana da fuoco.
Attenzione, però, queste ultime vanno bene per la cottura in forno e non...

Leggi tutto l'articolo