Cultura digitale - Realizzazione fisica

 Da ignorante d'arte ma da sempre appassionato studioso di fisica, il processo di derealizzazione dell'arte mi rimanda a quello della fisica:alle sue origini, come filosofia della natura, si occupa di rappresentazioni immaginarie, perfino visionarie, della realtà;nel corso della sua lenta evoluzione, accetta che possa esistere un oggetto reale, con sue caratteristiche, indipendenti dall'osservatore, indifferenti alla sua presenza;infine, con l'avvento del metodo scientifico, nel XVII secolo si concentra unicamente verso l'osservazione del reale, le "sensate esperienze" di cui Galileo scrive (...
mi par che nelle dispute di problemi naturali non si dovrebbe cominciare dalle autorità di luoghi delle Scritture, ma dalle sensate esperienze e dalle dimostrazioni necessarie ...);realizzato salendo la scala dei gradi di realtà:Immagine mentale,Rappresentazione scientifica (modellizzazione che porta alla legge fisica),Oggetto reale. In tempi e modi quasi del tutto estranei l'una rispet...

Leggi tutto l'articolo