Cuore d'aquila e ali di passeroaquila

Cuore d'aquila e ali di passero.
Essere cristiani è scegliere i poveriMaurizio Patriciello, Avvenire, domenica 16 giugno 2019Questo è il terribile e contraddittorio mistero dell’uomo: avere un cuore di aquila e ali di passero».
E noi con questo mistero, così ben descritto da Ignacio Larranaga, dobbiamo fare i conti ogni giorno.
Il cuore di aquila ci fa superare i confini dello spazio e del tempo, ci fa osare l’impensabile, ci proietta nel futuro.
Le ali di passero, al contrario, ci fanno pavidi, timorosi dell’ignoto, ci invitano a rimanere nel nido.
L’arte del cristiano sta nel mettere insieme l’aquila e il passero.
Fantasia, quindi, sogni a occhi aperti, vette alte da raggiungere, desiderio d’infinito, sete di aria fresca, solitudine ad alta quota, vertigini, ma anche prudenza, umiltà, coscienza dei propri limiti.
Francesco in modo meraviglioso, continua a indicarci la via da percorrere.
Ottimo esegeta dell’uomo, dell’animo, della fede, del patrimonio affidatogli, il Papa non si stan...

Leggi tutto l'articolo