"Cuore e Quarantore"

   Al modico prezzo di un "giulio" (una cifra con cui non si coprono neanche le spese) la signorina Annunziata concede le sue grazie, e per ben "cinque volte e mezzo" di fila (?!), all'insaziabile "instrumentum generandi" del prode caporal Titta di stanza presso la caserma di Piazza Sora.Epperò Titta vuole ancora baci ed altre carezze! Non sta fermo, tasta e smaneggia avido, brancicando, per tutto il corpo di Nunziata, che, così, mezzo svestita com'è, e con sto freddo boia, rischia pure di beccarsi qualcosa! "Famme coprì, va', che mo' me ne devo annà!!"In chiesa, a quest'ora, son già iniziate le "Quarantore" una divozione, questa, a cui Nunziatina non manca mai!"Devo proprio andare! Basta!! Paga e facciamola finita! Ciao! E poi, giuro!, che con un assatanato come te io non ci vengo più!!" garantisce solennemente, la timorata e cedevole fanciulla"..almeno, fino a dopo pranzo.
"   Nunziata e ’r Caporale Titta, lasseme annà: che!, nun te bbasta de scolà er nerbo cincue vorte e mezza? Vò’ un bascio? tiello: vôi n’antra carezza?...
Ahà! da capo cor tastamme! oh ttasta.
Ma tte stai fermo? Mica sò dde pasta, ché mme smaneggi: mica sò mmonnezza.  Me farai diventà ’na pera-mezza!  Eppuro te n’ho data una catasta!  E per un giulio tutto sto strapazzo? Ma si mme vedi ppiú pe ppiazza Sora! Oh vvia, famme cropí, cc’ho ffreddo, cazzo! Manco male! Oh mmó ppaga.
Uh, ancora tremo! Addio: lasseme annà a le cuarantora, e öggi, si Ddio vò, cciarivedemo.
(G.G.Belli - Roma, 14 febbraio 1830)  ***   NOTA: Secondo me, un giorno, gli storici perverranno a questa verità: "Fino a quando l'Italia ha avuto dei caporali come il Titta, di guerre non ne ha mai perse.
Neanche una!"  (Inizio di: "o surdato 'nammurato" - M.Ranieri)

Leggi tutto l'articolo