DA NORIMBERGA A VENEZIA (2)

Precedente capitolo: da-norimberga-venezia.html Prosegue in: da-norimberga-venezia-3.html ...sotto il velame....
appunti-eretici-di-viaggio.html Foto del blog: da-norimberga.html a-venezia.html   Il Tirolo era terra di caccia e di miniere degli Asburgo.
Innsbruck, il 'ponte sull'Inn', Durer la ritrae in un acquerello tutto tetti aguzzi che si specchiano nel fiume sullo sfondo delle montagne.
Vi si lavoravano armature resistenti a colpi di balestra e d'- arma da fuoco portatile.  Un altro acquerello riproduce il cortile della Hofburg, che poi fu rimaneggiata da Maria Teresa.
Massimiliano non ave- va ancora intrapreso a far fondere, in un sito poco distante sulla riva sinistra dell'Inn, le statue degli antenati per la sua tomba nella cappella imperiale di Wiener Neustadt.
Interrotta la megalomane impresa per la morte dell'impera- tore, resteranno, in numero di 28, a Innsbruck, intorno alla, vuota, nella Hofkirche.
Il cardinal d'Aragona iniziò il suo viaggio all'estero entrando in Tirolo, e le prime impressioni registrate nel giornale di viaggio fanno pensare alle abituali sorprese nella scoperta del mondo alpino tedesco: crocefissi di legno lungo le strade, gli sporti a due o tre finestre da cui guardare nella strada, tetti di tegole lucide e colorate, campanili 'alti et acutissimi'.
  Il Brennero (m.
1375) è il più basso dei valichi che attraversa- no le Alpi; già vi passavano carri pesanti e grossi; i nomi delle merci che transitavano nei due sensi riassumono i rapporti e- conomici internazionali che avevano i loro poli in Norimberga e Venezia: spezie orientali, cotone, seta, frutta, allume, legno tintorio, vetri muranensi, botti di vino da sud verso nord; sa- le di miniera, rame, stagno, lino, lana, utensili metallici, armi, in senso inverso.
Bolzano è una città murata del vescovo di Trento.
Qui e ancor più a Trento, principato vescovile imperiale, si sente che il cielo, l'aria, i colori sono cambiati, lo noterà anche Goethe.
Durer dipinge altri acquerelli.
  Rovereto era allora la prima terra veneziana; il segno lo si ve- deva non solo nel leone di San Marco 'andante', scolpito sopra la porta, ma in un certo gusto dell'edilizia urbana.
Nella Valle Lagarina lungo l'Adige erano stati piantati i gelsi.
Il Veneto era saldamente nelle mani della Serenissima signoria.
Nelle città - Verona, Vicenza, Padova - era soltanto all'inizio quella trasposizione in Terraferma dei modi architettonici lagu- nari che sempre più le caratterizzerà.
I patrizi veneziani hanno cominciato a investire nella terra; a Venezia qualcuno [...]

Leggi tutto l'articolo