DEL MIO SANGUE

Del Mio Sangue lascero' a Te il Mio collo mordilo pure con la giusta Avidita' quando mi mordi noto Evoluzione e spoglio onesta Perversione Amor nella inconvenzione e le mie membra sfiorano le gesta nella castita'.
Da questa notte se me lo chiederai lascero' aperta la finestra cosi' potrai quando vorrai da me entrar da pipistrella a Nuda Principessa bevi il mio sangue e mai non ti fermar.
Ti bacero' in un fuoco di spasimi e piaceri stringendoti nel dubbio delle ore non avremo esodi d'averi il mio compenso lo lasciasti Tu, Giace nella vena che ti rimane preferita quella due dita sotto il cuore bevine fino a farmi morir mio Amore per poi giacer insieme e sempre alla caccia delle prede nuove.
    Lirica Dedicata A ''Fior Di Spina'',ovvero la Mia Amante Vampira Telepatika  

Leggi tutto l'articolo