DENTRO L'ATTENTATO

 Si rannicchia in modo compulsivo nella latrina d’efferatezza colui che demoniaco del male soggioga arte Si leva una folata d’odio dallo sguardo sacrilego nello scalpitio esaltante e cruento da distillare ad anime impure e stentate Colte da transiti frenetici e scatenati hanno esaltato il cinereo bulbo di morte nello straziante grido d’una nube che mai sfiorerà volte d’azzurro @Silvia De Angelis   

Leggi tutto l'articolo