DI LETTERATURA, CINEMATOGRAFIA E MUSICA: DA MILES A GIANNA NANNINI

Chi entra in una libreria non necessariamente è un lettore colto e raffinato.
Sopratutto se quando esce ha in mano il libro delle barzellette di Totti o l'ultimo tormentone del comico di turno.
Si tratta sempre di carta stampata, ma è evidente che la letteratura, oppure anche la sola buona lettura, è un'altra cosa.
Lo stesso criterio si può applicare al cinema : Eccezziunale veramente era, più di vent'anni fa, una cagata orribile (mi si passi il fantozzismo).
Ovvio che la versione due ne ricalchi fedelmente l'assioma.
E già che ci siamo, in tema cinematografico intendo, non capisco la riabilitazione di stupidi filmetti e dei loro tristi protagonisti di 30 anni fa.
Alvaro Vitali e Gloria Guida non erano gli eroi della mia generazione (almeno non di tutta...), non sono mai stati rappresentanti del buon gusto e nemmeno di intelligenza palpabile.
Di palpabile nei loro film c'era ben altro, anche se, visto con l'ottica presente il loro erotismo (forse il termine più esatto è pruderie)...

Leggi tutto l'articolo