DI MAIO, LO STRANO SOGGETTO Nega la realtà, vede soldi che non esistono, e minaccia chiunque gli dia torto. Molto prepotente.

Mai capito bene perché il comico e Casaleggio abbiano deciso di farsi rappresentare da Di Maio, o’ guaglione sempre tirato a lucido, con quella faccetta da falso che nemmeno la mamma. Ma, con il tempo, tutto è diventato chiaro. Il ragazzo ha due qualità rare, per i suoi padrini. È un mentitore nato, spudorato, recidivo, inarrestabile. Inoltre, dietro quella faccia da bravo ragazzo sfuggito alle cure della nonna e della mamma, sa minacciare come pochi. Minaccia intere categorie (ad esempio tutti i consiglieri regionali d’Italia o i Benetton). Ogni quindici minuti promette sfracelli, che poi non avvengono mai. Ma intanto lui minaccia, e fa la sua porca figura di uomo tosto (sia pure con quella faccia da bambino, di quelli che hanno visto Pomigliano…).
Ad esempio, ogni volta che gli spiegano che i soldi per fare il reddito di cittadinanza non ci sono, lui ribatte che ci sono. In campagna elettorale disse che c’erano 70 miliardi per questa impresa. Poi, in sede di manovra si è dovuto ac...

Leggi tutto l'articolo