DIRIMENTE

La mia ombra,
apprezza questo deserto,
lurida mortificazione dei sensi,
l'appoggio quasi mortale,
di agio comportamentale,
manesca previsione di pioggia,
tranelli agevolmente stimolanti,
cuori distratti dalla mediocrità,
versi poco edulcorati.
Il bisogno sembra comunque costante,
assistito,
come una messe da impartire,
celebrare,
un vero ritorno alla materia,
al grigiore stereotipato del compromesso.

Leggi tutto l'articolo