DONNA AUGURI NON SOLO L'8 MARZO MA TUTTO L'ANNO.

Giulia era già finita una volta nella bacheca di Matteo Salvini: aveva partecipato a un’altra manifestazione, dove aveva esibito un cartello con scritto ‘Migranti non lasciateci soli con i fascisti’. Quando Salvini l’aveva condivisa, la ragazza è stata bombardata da una pioggia di insulti, come testimoniato da lei stessa che aveva reso pubblici gli screenshot.
Alla manifestazione di Milano Giulia c’era e aveva con sè un nuovo cartello: “Meglio buonista e puttana che fascista e salviniana”, che riassumeva quegli insulti che aveva ricevuto la prima volta. E anche stavolta, dopo che Salvini ha condiviso la sua foto su facebook con la frase a commento ‘che gentil signora’, il copione si è ripetuto puntuale.
“A Giulia arrivò addosso di tutto” raccontano I Sentinelli di Milano, “dagli insulti sessisti a vere e proprie minacce di violenza fisica. Questa mattina quello che di mestiere fa il Ministro degli Interni, che conosce bene cosa ha fatto passare a Giulia, decide di rimandare i ...

Leggi tutto l'articolo