DONNE PROGRESSO E...PARCHEGGIO

  Nel lontano 1975 in Messico fu organizzata la prima "Conferenza Mondiale sulle Donne", un primo passo fortemente voluto dall'ONU per permettere alle donne del mondo, di confrontarsi sul loro universo femminile e cominciare a trattare tutti i punti fondamentali per rivendicare le giuste posizioni sociali in seno agli stati di appartenenza.
Da allora si sono organizzate ciclicamente altre Conferenze e l'ultima si è tenuta a Milano (2015).
Grandi passi in tutti questi anni, molte battaglie sono state vinte e tante ancora sono da vincere: non c'è omogeneità e ovviamente nell'occidente le cose vanno meglio che altrove: il sottosviluppo strisciante e lento impedisce la giusta evoluzione femminile.
L'ultima edizione della conferenza si è tenuta a Milano in seno all'Expo': quale migliore occasione per coniugare donne e cibo, esigenze primarie in molti posti del mondo.
Le donne sono strettamente associate al cibo, alla cura, alla produzione, e alla necessità di portarlo in tavola.
Insomma è stata un buona occasione per inserire in un contesto mondiale come l'Expo', la consueta conferenza delle donne.
Ma...già purtroppo c'è un ma, pare che a Milano in uno dei giorni fissati dal calendario per uno dei vari incontri previsti, vi sia stato un problema piuttosto grave.
Le autorità sono state costrette a stendere un verbale ufficiale che l'ONU ha voluto si trasmettesse subito presso l'ufficio di Presidenza.
E' accaduto che in uno spazio adibito a parcheggio, vi sia stata un po' di confusione e data la gravità dei fatti, probabilmente saranno presi seri provvedimenti.
Pare che le disposizioni per la prossima conferenza siano molto chiare al riguardo: saranno capaci di reclamare i loro diritti in seno alla società, otterranno col tempo e dovunque, i loro sacrosanti e legittimi posti che spettano, ma alla prossima  conferenza l'ordine sarà tassativo: taxi, mezzi pubblici o....a piedi!!!!  

Leggi tutto l'articolo