DOVERE & LEGGE DEL PADRE

Stupisce l'abissale distanza tra una cultura alta e quella bassa dominante, di matrice solo banalissimamente politica ferma, scleroticamente, al '68 pensiero, che ancora paventa autorevolezza, doveri e meritocrazia come spauracchi di una ineguaglianza tutta e solo presunta ma che, nella realtà, è altresì fonte di sperequazioni che, in ultima istanza, fanno solo fuggire le nostre menti migliori all'estero dove dette idiozie non sussistono più o, più spesso, non sono mai esistite.
A tale proposito, stante l'ignoranza prevalente, varrebbe più che mai a proposito di quella "Legge del padre" di cui qui si vuole parlare, e che è il fondamento sotterraneo di tutte queste italiche scemenze, il detto che "L'ignoranza della Legge non giustifica il reato".
Reato, sia detto per inciso, che va ascritta a tutta la classe politica senza eccezioni, anzi, ancor più, per gli ultimi arrivati populisti.
E' quindi necessario un breve excursus sulla genealogia di questa realtà psichica nella storia di qu...

Leggi tutto l'articolo