DUE PICCIONI CON UNA...FAVA!!!!

  "Allora vado, ci vediamo più tardi...".
Sta per chiudersi la porta alle spalle: "Aspetta Mignolo, ho commissioni per te..." La raggiungo e le porgo un biglietto con l'elenco delle cosine da prendermi: "E' da stamane che sai che dovevo uscire...sempre all'ultimo momento, mi raccomando Caccolo!". Chiude la porta e se ne va.
Torna per pranzo e ripone le sue buste sul tavolo: comincio a rovistare alla ricerca del mio fabbisogno: "Ti faccio notare che se stai cercando il "dietrificio"...non l'ho comprato!".
Azz! Sono sorpreso, non disattende mai le mie attese: "A parte il fatto che si chiama "dietifricio", senza la "erre" cha darebbe adito a presupporre  un uso molto particolare del prodotto, perchè non l'hai comprato?".
Sorride la beffarda : " E dimmi di grazia, o capitano, mio capitano, perchè dovrei comprarti un nuovo dentifricio o come diavolo si chiama, quando abbiamo sempre usato il nostro?".
Attende impaziente una risposta la cecchina ben appostata: "Perdonami cara se la tua ignoranza non arriva alla mia, ma stai confondendo prodotti, ovvero, ciò che desideravo e che, ripeto, si chiama "dietifricio", non serve...o meglio, serve sì per lavarsi i denti ma nel contempo  è anche  un prodotto che fa dimagrire!".
Sorpresa e incuriosita, incalza:" E' una delle tue solite caxxate che ti spari come dose quotidiana o, se ho capito bene, ci si lava i denti e si...dimagrisce pure?".
Sogghigno, la ruota coloratissima di pavone, orna tutto il mio fondoschiena: "Appunto cara la mia incredula fatina del pulito, perciò si chiama dietifricio: denti bianchissimi e peso forma, 5 euro e si risolvono i problemi sull'uno e sull'altro fronte...".
La guardo dall'alto in basso a sottolineare l'altro fronte: "Senti scapocchione della malora, a parte il fatto che il mio peso forma non è poi tanto fuori dalla..forma, come è possibile questa doppia funzione, come avviene la perdita del peso?".
La invito a sedersi: "No, meglio che stia in piedi...altrimenti ci metterai due ore solo per spiegare le potenziali qualità di 'sta roba..".
Pazientemente riprendo: "Semplice: la sostanza dentifricia contiene aromi che limitano l'appetito; usando agrumi particolari della Sicilia, il dottor Macrì l'inventore appunto, ha preaparato questa pasta che dà nausea mentre ti lavi i denti.
All'inizio non si avverte nulla di particolare perchè è puro dentifricio con le sue valenti qualità,  invece, ripetendo e strofinando vigorosamente i denti per un paio di volte, resterà, dopo aver sputato il tutto, un sapore amaro come se [...]

Leggi tutto l'articolo